Archivio storico

Le notizie passano, ma qualche volta non invecchiano, allo scopo di manternere memoria di quanto detto e pubblicato, ecco lo "STORICO" , dove mettiamo tutto ciò che non è attuale ma di cui vogliamo rimanga memoria.

Anno per anno dunque in queste pagine metteremo i ricordi.

Completato il 2006 iniziamo la pagina del 2008.

Buon Carnevale da "Re Michele"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per ricordarci che la disabilità e i problemi della vita, non devono fermare nessuno dal vivere appena possibile i momenti di allegria che la vita ci propone con spirito positivo, vi pubblico la foto di Michele, che giustamente non si fa mancare nulla, e vi augura un buon carnevale, augurio al quale tutti noi ci aggreghiamo perchè passiate nel modo migliore questo periodo di festa nonostante le difficoltà e i problemi di tutti i giorni.

LIBERI DI VIVERE !

La malattia, la sofferenza e la morte sono inevitabilmente parte della vita di ogni essere umano. Poiché nessuna condizione di salute toglie dignità alla vita umana, in una società davvero libera, solidale e democratica, malattia e sofferenza non possono e non devono diventare motivo di solitudine, abbandono, emarginazione e discriminazione sociale del malato e della sua famiglia, come è indicato negli articoli 3 e 32 della nostra Costituzione e in molte altre Dichiarazioni e Convenzioni internazionali, ultima delle quali la Convenzione dei diritti delle persone con disabilità, promulgata dall’assemblea generale dell’ONU il 13 dicembre 2006 e firmata dall’Italia il 30 marzo 2007.

LIBERI DI VIVERE

 

FIRMATE L'APPELLO !


Elaborazione della perdita fisica (immobilità) di un malato sla


Il 09 gennaio 2008 si svolgerà a Bari dalle ore 20.00 alle ore 22.00 presso la sede della sezione AISLA Bari - Paglialonga Loredana e Rosita Via Lama del Duca n. 17
il primo  incontro rivolto a tutti i familiari e amici che che hanno vissuto e vivono il dolore di questa terribile malattia.

 
Tema: "Elaborazione della perdita fisica (immobilità) di un malato sla"
 
All'incontro parteciperà il dott. Nicola Ferrari, psicopedagogista - formatore Master in Psicologia Clinica 'Assistenza psicologica nelle situazioni di lutto naturale e traumatico' della Associazione Maria Bianchi
Viale Libertà 32, Suzzara (MN)
tel./fax: 0376-532304
www.mariabianchi.it
 
Vi aspetto!

Loredana

 

IN UMBRIA UN CENTRO PER LA SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA


I malati beneficieranno di presidi medici gratuiti e di un sostegno economico La Regione Umbria ha predisposto un documento che regolamenta i percorsi assistenziali e riabilitativi per le persone affette da sclerosi
laterale amiotrofica ('Sla'), 'una rete di cura e riabilitazione in Umbria, in grado di farsi carico di una diagnosi quanto piu' precoce e appropriata, di una presa in carico effettiva e di una continuita' assistenziale in tutte le fasi della malattia'. Inoltre verra' istituito un centro regionale di riferimento per la 'Sla'. E' quanto e' stato deciso nel corso di un incontro svoltosi tra l'Assessore regionale alla Sanita', Maurizio Rosi e il presidente nazionale dell'Aisla (Associazione italiana sclerosi laterale amiotrofica) Mario Melazzini che era accompagnato dal presidente regionale Fortunato Bianconi. Alla riunione hanno preso parte il direttore Sanita' e servizi sociali della Regione Paolo Di Loreto e il dirigente del II servizio dell'assessorato Marcello Catanelli.
Nel corso dell'incontro e' stata presentata appunto all'Associazione la decisione di istituire un centro regionale di riferimento per la 'Sla'. Un centro che dovra' essere elemento di coordinamento, di supporto e di consulenza scientifica alla rete. In tempi rapidi si provvedera', con specifici atti amministrativi, alla formalizzazione della rete e del centro stessi. Di fronte all'esigenza di fornire in tempi rapidi i comunicatori vocali, facilitatori della comunicazione, per pazienti affetti da 'Sla', sulla base del contributo nazionale attribuito alla Regione Umbria di 147mila euro, la Regione - ha aggiunto l'assessore - ha sottolineato di aver gia' dato indicazioni alle Asl di provvedere, anticipando con risorse proprie, all'acquisto di questa strumentazione, come e' gia' avvenuto per alcuni casi. Al tempo stesso, al fine di velocizzare e rendere piu' omogenee le procedure in tutta l'Umbria, la Regione si attivera' immediatamente e direttamente all'acquisto di queste apparecchiature, che saranno poi concesse tramite le Asl in comodato gratuito ai pazienti.
Tutto cio' in attesa dell'effettiva assegnazione del contributo nazionale. Nel corso della riunione si e' presa anche in considerazione la possibilita' di garantire un sostegno economico alle famiglie che hanno in carico soggetti malati, sia utilizzando l'assegno di cura per gravissime disabilita', sia facendo fronte con le risorse del Fondo regionale per la non autosufficienza. Il presidente Melazzini si e' detto soddisfatto di quanto e' stato deciso nel corso dell'incontro. Per informazioni: www.regione.umbria.it